Leggere le etichette

Leggere le etichette

La dimensione globale del consumo di prodotti alimentari derivati dall'industria e dalla grande distribuzione, ha reso necessaria un' informazione precisa e dettagliata su tutto ciò che giunge in tavola. Così ad ogni prodotto corrisponde un'etichetta.
L'etichettatura è l'insieme delle indicazioni riportate su tutte le parti di un prodotto, scopo è quello di informare e tutelare il consumatore.

Perché è utile leggere le etichette?
Le etichette consistono di informazioni messe a disposizione del consumatore relativamente a un prodotto.
Il consumatore può esserne interessato per un insieme di ragioni:

  • per verificare lo stato di conservazione (data di scadenza);
  • per evitare prodotti di origine animale (per esempio, sapete che la pasta delle piadine tipicamente contiene strutto?) o prodotti cui si è allergici;
  • per controllare la qualità e quantità degli ingredienti;
  • per scegliere prodotti a basso contenuto di grassi (etichetta nutrizionale);
  • per verificare se e quali additivi siano contenuti (codici E...).
In altre parole, le etichette:
  • vi tutelano, grazie ad una serie di normative cui devono sottostare;
  • vi consentono di scegliere il prodotto più conforme alle vostre esigenze;
  • vi permettono di fare una migliore valutazione del rapporto qualità-prezzo.

E tu come ti districhi tra le informazioni che le etichette forniscono?
Ecco in semplici passi ciò che devi conoscere per leggere opportunamente un'etichetta e per diventare un consumatore responsabile.
Quindi prestiamo attenzione a:
  • il contenuto della confezione, (ad esempio se si tratta di "maionese" oppure di "latte");
  • tutti gli ingredienti utilizzati;
  • il peso;
  • il luogo e la ditta produttrice;
  • la data di scadenza;
  • le modalità di conservazione e preparazione.

Denominazione di vendita
Tecnicamente, la descrizione del prodotto si chiama "denominazione di vendita". Denominazioni di vendita sono, ad esempio: olio extravergine di oliva, farina 00, maionese, ecc. Un prodotto può avere nomi commerciali di fantasia, ma è necessario che sia specificata anche la denominazione di vendita per consentire all'acquirente di conoscerne la natura e di distinguerlo da altri prodotti con i quali potrebbe essere confuso.

L'elenco degli ingredienti
Con il termine ingrediente si intende qualunque sostanza impiegata, compresi gli additivi e l'acqua, quando supera il 5%. Non sono da considerare come ingredienti i solventi o i composti chimici utilizzati a livello industriale per estrarre, raffinare o trattare un prodotto, di cui però non si trova traccia nel prodotto finito.
I prodotti alimentari preconfezionati devono riprodurre sull'etichetta l'elenco degli ingredienti in ordine di peso decrescente: il primo ingrediente citato è il più presente, via via fino all'ultimo, che è il meno presente. Ciò significa che un biscotto i cui ingredienti siano: "farina di grano tenero, uva sultanina, uova, burro, zucchero, lievito, sale", conterrà meno zucchero che farina. Se nessuno degli ingredienti è prevalente rispetto agli altri, il produttore può elencarli in un ordine qualunque, inserendo la dicitura "in proporzione variabile". Non occorre indicare gli ingredienti se il prodotto è costituito da un'unica sostanza, come nel caso dell'olio di oliva o della farina, o per alcuni prodotti specifici come il vino o la birra.
Alcuni ingredienti, invece che con il loro nome, possono venire segnalati con il nome della categoria di appartenenza (ad es., formaggio). In questi casi, si può ragionevolmente supporre che tali ingredienti non corrispondano ai prodotti più pregiati della loro categoria: ad esempio, se il vino contenuto fosse Brunello di Montalcino, l'azienda più probabilmente lo indicherebbe in maniera esplicita.
Anche gli aromi sono considerati ingredienti. Deve essere specificato se gli aromi sono di origine naturale o sintetica. Gli aromi naturali sono sostanze di derivazione: essenze, estratti, succhi, estratti da materie vegetali. La semplice dicitura "aromi" indica il ricorso ad aromi artificiali prodotti in laboratorio. Se una caramella non contiene fragole ma solo aroma di fragola, non la si può etichettare come "caramella alla fragola" ma come "caramella al gusto di fragola".
L'elenco degli ingredienti è fondamentale per individuare la qualità del prodotto, ma anche per conoscerne gli additivi e i componenti cui eventualmente si può essere allergici.

  • 1
  • 2

Pubblicato in Mangiare e dintorni

Iscriviti alla nostra newsletter

GARANZIA PRIVACY - La tua e-mail non sarà ceduta a terzi ne sarà utilizzata per altri scopi diversi da quello per il quale ti è stata richiesta, ovvero inviarti la newsletter dalla quale potrai cancellarti in ogni momento cliccando link posto sul fondo di ogni mail. Per ulteriori informazioni leggi tutti i nostri impegni per la tua privacy.

Contatti

Numero Verde: 800-74.55.22
Centralino: 041-570.2000
Fax: 041-57.28.368
Mail: info@saleepepe.it

Contattaci

Dove siamo

Via della Costituzione, 151
30038 - Spinea - (Ve) - Italia
(Vicino alla stazione dei treni di Maerne)


Vedi la mappa interattiva

Orari apertura

Uffici:
Lunedì – Venerdì: 09.00–13.30 e 15.30-19.00
Sabato: 09.00–13.00


Negozio:
Martedì - Sabato: 10.30-13.30 e 16.30-20.00
Domenica: 10.00-13.30

Seguiteci su

     

     

Il muro dei social