Buon appetito

Buon appetito

La diatriba va avanti da anni, con sostenitori autorevoli per l'una e l'altra tesi e momenti di scontro aperto come quando la principessa Olghina di Robilant criticò aspramente Alessandra Borghese (autrice di Noblesse Oblige con la contessa Gloria Von Thurn und Taxis) per il suo no all'uso del "Buon appetito”. Per prendere posizione, sempre che interessi farlo, bisogna risalire alle origini di questa oggi controversa formula pre-prandiale, quando nobili, feudatari e signori avevano una servitù numerosa.

Si usava allora, in determinati periodi dell'anno (come il tempo del raccolto o per occasioni eccezionali, come grandi battute di caccia particolarmente fruttuose) dare banchetti anche per i servitori che solitamente ne erano esclusi e che, al limite, potevano aspirare agli avanzi. Queste erano invece occasioni speciali, ideate per ingraziarsi i sottoposti. È qui che nacque il “Buon appetito” che il padrone rivolgeva al personale di servizio come buon auspicio per godere della magnificenza dei suoi doni, di tutta quella merce rara, in un'epoca in cui certi cibi – se non proprio il cibo in sé - erano davvero un lusso.

Questa è la radice storica di un augurio che non è più carino dire, spiega Nicola Santini, esperto di bon ton, autore del libro Business + Etiquette. Ai nostri giorni la formula è caduta in disuso perché il pasto, per fortuna, non è più momento in cui sfamarsi, ma si arricchisce di altri significati: dalla colazione di lavoro, all'incontro conviviale, alla serata romantica, si sta intorno al tavolo ma “la mangiata” è l'ultimo dei motivi.

La frase resta comunque una consuetudine privata. Ancora oggi, sottolinea Santini, in molte famiglie cosiddette altolocate si usa far precedere il pranzo dal “buon appetito” e nessuno ci trova niente di strano o si scandalizza. Nel contesto familiare insomma ognuno segua pure le proprie abitudini.

È in un contesto non privato – sostiene il maestro di cerimonie - che appare inappropriato, come se si desse dei servi ai commensali, specie se è il padrone di casa a pronunciarlo.

Allora la domanda potrebbe essere: ma se nessuno dà un segno chiaro di inizio pasto, come si capisce quando cominciare a mangiare? Si aspetta – dice Santini – che tutti abbiano il cibo nel piatto. E questo vale per ogni portata. A iniziare sarà l'ospite d'onore, se a tavola c'è un invitato di riguardo. Altrimenti è la padrona di casa a dare il la. È lei che, dopo essersi assicurata che tutti siano stati serviti e siano sistemati comodamente, sorride e comincia a mangiare.

Comunque, tornando al buon appetito, a nessuno deve venire in mente che chi lo dice sia un maleducato. Molto peggio stare in silenzio, magari arricciando il naso. Se qualcuno ci augura buon appetito si risponde con un sorriso e un buon appetito. E poi si tratta di una consuetudine che cambia da luogo a luogo. Per esempio i camerieri francesi nei migliori ristoranti lo augurano portando le pietanze in tavola ai clienti e anche quelli americani accompagnano i piatti con un “enjoy”. In questi casi si risponde naturalmente un “grazie”.

Pubblicato in Mangiare e dintorni

Siamo partner dei migliori progetti per il rispetto e sostenibilità ambientale

    ...

Iscriviti alla nostra newsletter

GARANZIA PRIVACY - La tua e-mail non sarà ceduta a terzi ne sarà utilizzata per altri scopi diversi da quello per il quale ti è stata richiesta, ovvero inviarti la newsletter dalla quale potrai cancellarti in ogni momento cliccando link posto sul fondo di ogni mail. Per ulteriori informazioni leggi tutti i nostri impegni per la tua privacy.

Contatti

Numero Verde: 800-74.55.22
Centralino: 041-570.2000
Fax: 041-57.28.368
Mail: info@saleepepe.it

Contattaci

Dove siamo

Via della Costituzione, 151
30038 - Spinea - (Ve) - Italia
(Vicino alla stazione dei treni di Maerne)


Vedi la mappa interattiva

Orari apertura

Uffici:
Lunedì – Venerdì: 09.00–13.30 e 15.30-19.00
Sabato: 09.00–13.00


Negozio:
Martedì - Sabato: 10.30-13.30 e 16.30-20.00
Domenica: 10.00-13.30

Seguiteci su

     

     

Il muro dei social
Sale e Pepe Group, Sale e Pepe Gastronomia, Party Planner, Congress Planner, Sale e Pepe Turismo e Sale e Pepe Rent Solutions sono marchi riservati
Sale e Pepe S.r.l. - Via della Costituzione, 151 - 30038 - Spinea (Ve) ~  Cod. Fisc. e P. Iva IT 03446970273 ~ Capitale sociale 100.000,00 euro i.v.

itenfrdees