San Valentino 2017

San Valentino

La festa di San Valentino che ricorre il 14 febbraio, è probabilmente la festività, dopo il Natale, più conosciuta e festeggiata in tutto il mondo.

Pur rimanendo incerta l'evoluzione della ricorrenza, pare che la sua origine risalga alla fine del V d.C., quando papa Gelasio I istituì questa festività in ricordo del martirio del vescovo Valentino da Terni. L'intento del papa probabilmente era volto alla cristianizzazione della festa pagana dei lupercalia, riti dedicati alla fertilità che si celebravano nei giorni nefasti di febbraio, mese purificatorio, dal 13 al 15, in onore del dio Faunonella nella funzione di Luperco, cioè protettore delle greggi e dei raccolti.

San Valentino, detto anche san Valentino da Terni o san Valentino da Interamna (Interamna Nahars 176 d.C. circa - Roma 14 febbraio 273 d.C.), fu vescovo romano. La notizia più antica di San Valentino la si trova nel Martyrologium Hieronymianum, documento ufficiale della Chiesa del V-VI d.C. in cui compare il suo nome e l'anniversario della morte. Nella Passio Sancti Valentini , documento del VIII d.C., sono narrati i particolari del martirio: la tortura del presule, la lapidazione, la decapitazione notturna, la sepoltura a Terni ad opera dei discepoli Proculo, Efebo e Apollonio, il successivo martirio di questi ultimi e la loro sepoltura.

Valentino fu uno dei primi martiri della Chiesa e visse a Roma in un periodo in cui il Cristianesimo non era ancora stato riconosciuto religione di Stato. L'imperatore Claudio II istituì un'ordinanza in cui vietava ai soldati di sposarsi o fidanzarsi, poiché temeva che questi avrebbero preferito rimanere a casa con le proprie famiglie piuttosto che combattere le guerre imperiali. Valentino sfidò il decreto imperiale e sposò segretamente molte giovani coppie: fu per questo martirizzato il 14 febbraio 273 d.C.

La storia inoltre sostiene che mentre Valentino era in prigione in attesa dell'esecuzione, si fosse innamorato della figlia cieca del guardiano, Asterius e che con la sua fede avesse ridato miracolosamente la vista alla fanciulla; in seguito le firmò un biglietto con il seguente messaggio d'addio: "dal vostro Valentino” , frase che perdurò lungamente anche dopo la morte del suo autore.
È incerto se si tratti di un martire diverso dal presbitero che, secondo gli Acta SS Marii, Marthae et sociorum subì il martirio sotto Claudio il Gotico, ovvero nel 270 d.C., anno di morte dell'imperatore; il prete fu sepolto a Roma, nelle catacombe al II miglio della via Flaminia che porta per l'appunto il suo nome. Probabilmente si tratta della stesa persona anche se alcuni sostengono che il presbitero Valentino di Roma non sia mai esistito.

Alla diffusione della festa di San Valentino contribuirono i benedettini, attraverso i numerosi monasteri presenti in Italia, Francia e Inghilterra, essendo questi primi custodi, dalla seconda metà del VII d.C., della basilica dedicata al santo.

San Valentino e l'amor cortese

La figura di Valentino come santo patrono degli innamorati e la pratica moderna di celebrazione della festa centrata sullo scambio di messaggi d'amore e regali fra innamorati, risale probabilmente all'alto medioevo e in particolare al circolo di Geoffrey Chaucer e all'amor cortese.

Nel XIV d.C. Geoffrey Chaucer, padre della letteratura inglese, nel Parlamento degli uccelli, associa la ricorrenza di San Valentino al fidanzamento di Riccardo II d'Inghilterra con Anna di Boemia. Alcuni studiosi mettono in dubbio tale interpretazione poiché il fidanzamento di Riccardo II sarebbe da collocare al 3 maggio, giorno questo dedicato ad un altro santo omonimo del martire, San Valentino di Genova.

Sicuramente a metà febbraio si riscontrano i primi segni di risveglio della natura e nel Medioevo, soprattutto in Francia e in Inghilterra, si riteneva che in tale data iniziasse l'accoppiamento degli uccelli, pertanto l'evento ben si prestava alla celebrazione dell'amore e in generale a tutti gli innamorati.

Altri riferimenti storici fanno ritenere che la giornata di san Valentino fosse già in epoca medievale dedicata agli innamorati; ne è testimonianza la fondazione a Parigi, il 14 febbraio 1400, dell' "Alto Tribunale dell'Amore”, un'istituzione ispirata ai principi dell'amor cortese. Il tribunale decideva sulle controversie legate ai contratti d'amore, i tradimenti e la violenza contro le donne. I giudici venivano selezionati in base alla loro familiarità con la poesia d'amore.

Valentine: bigliettini d'amore

Inizialmente diffusosi soprattutto nei paesi di cultura anglosassone, in seguito per imitazione anche altrove, il tratto più caratteristico della festa di san Valentino, è lo scambio di “valentine”,ovvero bigliettini d'amore spesso sagomati nella forma di cuore stilizzato o secondo altri temi tipici della rappresentazione popolare dell'amore romantico, quali la colomba, l'immagine di Cupido con arco e frecce, e così via.

La più antica “valentina” di cui sia rimasta traccia risale al XV d.C. e fu scritta da Carlo d'Orléans, all'epoca detenuto nella Torre di Londra in seguito alla sconfitta nella Battaglia di Agincourt (1415). Carlo si rivolge alla moglie esprimendosi con le seguenti parole: ...je suis desja d'amourtanné, ma tres doulce Valentinée...

Sembra che anche il re Enrico V d'Inghilterra facesse comporre un biglietto “valentino” per la sua promessa sposa Caterina di Valois.

La tradizione di spedire “valentine” nel mondo anglosassone risale alla metà XIX secolo quando negli Stati Uniti alcuni imprenditori iniziarono a produrre su vasta scala, biglietti di San Valentino; fu proprio la produzione industriale a dare impulso alla commercializzazione della ricorrenza e alla sua radicazione nella cultura popolare.

È stato stimato che ogni anno, il 14 febbraio, vengono spediti circa un miliardo di biglietti d'auguri, numero questo che si colloca al secondo posto, per numero di biglietti acquistati e spediti, solo al Natale. Il processo di commercializzazione della ricorrenza proseguì nella seconda metà del XX secolo soprattutto negli Stati Uniti, quando la tradizione dei biglietti amorosi iniziò a diventare secondaria rispetto lo scambio di regali quali scatole di cioccolatini, mazzi di fiori o gioielli.

Il giorno successivo alla festa degli innamorati, il 15 febbraio, si festeggia San Faustino, patrono dei single.

Pubblicato in Altre feste

Siamo partner dei migliori progetti per il rispetto e sostenibilità ambientale

    ...

Iscriviti alla nostra newsletter

GARANZIA PRIVACY - La tua e-mail non sarà ceduta a terzi ne sarà utilizzata per altri scopi diversi da quello per il quale ti è stata richiesta, ovvero inviarti la newsletter dalla quale potrai cancellarti in ogni momento cliccando link posto sul fondo di ogni mail. Per ulteriori informazioni leggi tutti i nostri impegni per la tua privacy.

Contatti

Numero Verde: 800-74.55.22
Centralino: 041-570.2000
Fax: 041-57.28.368
Mail: info@saleepepe.it

Contattaci

Dove siamo

Via della Costituzione, 151
30038 - Spinea - (Ve) - Italia
(Vicino alla stazione dei treni di Maerne)


Vedi la mappa interattiva

Orari apertura

Uffici:
Lunedì – Venerdì: 09.00–13.30 e 15.30-19.00
Sabato: 09.00–13.00


Negozio:
Martedì - Sabato: 10.30-13.30 e 16.30-20.00
Domenica: 10.00-13.30

Seguiteci su

     

     

Il muro dei social
Sale e Pepe Group, Sale e Pepe Gastronomia, Party Planner, Congress Planner, Sale e Pepe Turismo e Sale e Pepe Rent Solutions sono marchi riservati
Sale e Pepe S.r.l. - Via della Costituzione, 151 - 30038 - Spinea (Ve) ~  Cod. Fisc. e P. Iva IT 03446970273 ~ Capitale sociale 100.000,00 euro i.v.

itenfrdees